9 settembre 2016

INDOVINA CHI ?


Il tortuoso cammino della politica italiana verso la trasparenza e la corresponsabilità presume naturalmente il controllo delle spese sostenute dai cittadini, nelle istituzioni, da parte dei cittadini, fuori dalle istituzioni, per mezzo della Rete nella quale le voci di spesa individuali vengono pubblicate https://www.beppegrillo.it/tirendiconto.it/trasparenza/. 

Controllando ci si rende conto dei vari privilegi di cui gode la classe politica ed anche se i nostri rappresentanti M5S si tagliano gli stipendi, a differenza della maggior parte dei politicanti che arraffano e basta, altri cittadini nelle istituzioni possono essere presi da loro ad esempio ed emulati così da costruire un’entità politica, scevra da tentazioni, differente dal presente e dal passato ma soprattutto MIGLIORE per il futuro. Parliamo del partito degli indiñados spagnoli, contrario alle politiche di austerità dell'Unione europea, sostenitore della democrazia diretta e della difesa dei diritti sociali, che non fa alleanze con nessuno per  governare e che, OLTRE a tagliarsi l’indennità, ha già rinunciato ad alcuni privilegi tra cui i rimborsi di 3.000 euro per gli spostamenti in taxi e ha fissato ad 850 euro la spesa massima rimborsabile per l’affitto. 
Giusto per prendere parte al cambiamento, per sostenerlo, per migliorarlo, proviamo a leggere la rendicontazione di un cittadino nelle istituzioni:

la prima voce è la cifra che viene restituita, con possibilità di visualizzazione della copia del bonifico effettuato a favore del fondo per le piccole e medie imprese.


Subito dopo è specificata la parte di stipendio che viene restituita.
 Si passa poi alla parte dei rimborsi che viene restituita. 
 Quindi 5.133,30 sono la somma di 1.747,71 + 3.385,59.

Si noti bene che ai parlamentari, a differenza dei cittadini, viene restituita qualsiasi spesa (alloggio, vitto, trasporti, spese telefoniche, ecc…) Vediamole nel dettaglio:





La parte più oscura: consulenze e collaborazioni.

 


Questa era Paola Nugnes, di Pozzuoli (Napoli), tra le più virtuose, oculata anche nei rimborsi. 

Ma se facessimo le pulci ad uno meno oculato cosa scopriremmo?

 
 
 
 






Scopriremmo che, a parte l’indennità, la cifra dei rimborsi è stata spesa fino all’ultimo euro (circa 9.000 €). Chi sarà mai il cittadino nelle istituzioni affatto parsimonioso con i soldi pubblici?  A voi il piacere della scoperta “made in sud” :-)




Nessun commento:

Posta un commento

Claudio Metallo. Vangelo di Malavita. Cosa vedono i nostri pensieri?

È autore, regista, documentarista di Campora San Giovanni. I suoi reportage sono storie di denuncia che mostrano il suo carattere e l’impeg...